Rimodernare l’impianto elettrico con il bonus fiscale

Quando si acquista un’abitazione di vecchia edificazione, da ristrutturare, il principale intervento che è indispensabile eseguire è il rifacimento dell’impianto elettrico.

Per il 2021 è stata riconfermata la possibilità di richiedere il bonus del 50% per ottenere la detrazione fiscale in caso di rifacimento dell’impianto elettrico.

Affinché si possa usufruire dell’agevolazione fiscale è indispensabile affidarsi alla professionalità di imprese che si occupano di questo genere di interventi, poiché il rifacimento dell’impianto deve essere certificato.

Chi ha necessità di ristrutturare casa nel 2021 avrà quindi la possibilità di usufruire dello sgravio fiscale, che consente di scaricare, all’interno della denuncia dei redditi, il 50% delle spese sostenute per il rifacimento dell’impianto elettrico, nel limite del massimale di spesa previsto.

Aziende come Ambrosi Impianti di Erbè sono specializzate in questo genere di interventi e si occupano della progettazione dell’impianto elettrico ex novo, dell’installazione e della certificazione dello stesso.

Ma non solo: Ambrosi Impianti, in provincia di Verona, si occupa anche dell’installazione dei pannelli fotovoltaici sui tetti di civile abitazione.

Anche in questo caso il Governo ha previsto per il 2021 un’altra agevolazione fiscale, ovvero il superbonus al 110%.

Tale detrazione prevede interventi di riqualificazione energetica, riduzione del rischio sismico, installazione di impianti fotovoltaici e installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici.

Il Bonus del 110% è riconosciuto anche per l’installazione, contestuale o successiva, di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici.

 

Cookie