Conformità dell’impianto elettrico

Un impianto elettrico deve essere progettato in base alla superficie calpestabile dell’abitazione e ai carichi elettrici impiegati.

Importante è stipulare accordi precisi tra chi esegue il progetto e il proprietario dell’abitazione, poiché in base alle esigenze del committente è possibile definire la potenza indispensabile per far funzionare gli elettrodomestici in casa.

Se ad esempio il cliente ha il piano cottura a induzione, o addirittura sé ha intenzione di rendere domotica la casa, la potenza energetica necessaria è superiore.

ll progetto elettrico deve essere redatto da un’azienda di professionisti e deve contenere una relazione descrittiva sulla tipologia di impianto e sui materiali che dovranno essere impiegati; la relazione deve poi essere corredata da una specifica documentazione integrativa.

Il progetto va poi consegnato allo sportello unico per l’edilizia comunale, azione questa indispensabile per il rilascio del titolo abilitativo.

Una volta aperta la SCIA il progettista deve integrare la documentazione solo in caso di eventuali variazioni durante i lavori.

Terminati i lavori l’impresa installatrice rilascia la dichiarazione di conformità dell’impianto elettrico.

 

Cookie

Questo sito web utilizza cookie di terze parti

X - CHIUDI
Questo sito utilizza cookie tecnici anonimi per garantire la navigazione e cookie di terze parti per monitorare il traffico e per offrire servizi aggiuntivi come ad esempio la visualizzazione di video o di sistemi di messaggistica. Senza i cookie di terze parti alcune pagine potrebbero non funzionare correttamente. I cookie di terze parti possono tracciare la tua attività e verranno installati solamente cliccando sul pulsante "Accetta tutti i cookie". Puoi cambiare idea in ogni momento cliccando sul link "Cookie" presente in ogni pagina in basso a sinistra. Cliccando su uno dei due pulsanti dichiari di aver preso visione dell'informativa sulla privacy e di accettarne le condizioni.
Maggiori informazioni